Adattamento e regia di Giuseppe Ligios, in scena con Giuseppe Caragliu e Antonello Foddis. «La fiaba di Charles Perrault, che affonda le sue origini a metà del ’500, ripresa più volte da innumerevoli autori come i fratelli Grimm, Ludwig Tieck, fino ad Angela Carter, può considerarsi una versione al maschile di Cenerentola, in cui il figlio minore di un mugnaio, alla morte del padre, riceve in eredità null’altro che un gatto». Ma il prodigioso animale parlante farà la fortuna del suo padrone, salvandolo dalla miseria e facendolo arrivare fino alla corte del re.

Galleria immagini

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Il gatto con gli stivali”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *